Il Rifugio Morelli-Buzzi

Nel meraviglioso Vallone di Lourousa

Fra le bellissime Valli del Cuneese, la Val Gesso è forse quella che offre il maggior numero di spunti, sia dal punto di vista escursionistico che alpinistico, rifugi ottimamente gestiti al cospetto di vette affascinanti, con vie di salita molto spesso impegnative e spettacolari.
Noi di Trekkinginside siamo andati alla scoperta del Vallone di Lourousa, con un trekking di due giorni al Rifugio Morelli-Buzzi (m. 2351).

Da Terme di Valdieri
La partenza è da Terme di Valdieri, località raggiunta percorrendo da Cuneo tutta la Val Gesso, transitando per Valdieri e Sant’Anna di Valdieri.
Poco prima di raggiungere la famose Terme, si posteggia l’auto sulla sinistra (m. 1350), affrontando la parte iniziale del percorso all’interno del bosco.

Si tratta di un trekking adatto a tutti, tuttavia i 1000 metri di dislivello e i 14 km di sviluppo a/r, richiedono un po’ di allenamento.

La prima ora di salita è tecnicamente elementare: sentiero ampio e pendenza scarsa, percorrendo gli ampi tornanti i faggi via via lasciano spazio alla pineta e successivamente allo spettacolo dei rododendri in vista del Lagarot di Lourousa (m. 1970).

Scenario superlativo
Da qui l’itinerario assume connotati un poco più impegnativi, il sentiero diviene più pietroso e la pendenza aumenta sensibilmente.
Sulla nostra destra la visuale è magnifica sul Monte Stella (m. 3262) ed il celebre Canalone di Lourousa, poco sotto notiamo il visibilissimo Bivacco Varrone (m. 2235).
A destra fa capolino la parete nord del Corno Stella (m. 3050), indiscutibilmente una delle montagne più note dell’intero Cuneese.

Il Rifugio
Puntando verso sud, l’ultima parte su pietraia, conduce al bel Rifugio Morelli-Buzzi (40 posti letto/ CAI Cuneo) ristrutturato nel 2000, offre anche un confortevolissimo locale invernale (8 posti), sede del nostro pernottamento.
Vicinissima, di fronte a noi per un alba mozzafiato, la parete nord dell’Argentera (m. 3297), cima di prestigio e grande fascino.
La discesa, con il sole del mattino ad illuminare il lontano Monte Matto (m. 3097), non fa che rafforzare la nostra convinzione: di aver vissuto l’ennesima e non ultima esperienza da privilegiati…a presto.

Informazioni utili
Località di partenza – Terme di Valdieri (m. 1350)- Cuneo
Difficoltà – Escursionistico
Dislivello – 1000 m
Tempo di salita – 3 ore
Tempo di discesa – 2 ore e trenta
Lunghezza a/r – 14 km

Ti è piaciuto? Condividilo!



2 Comments

  1. ideale per un week end a contatto con la natura del cuneese, lontano dallo stress della vita quotidiana.
    bellissime foto

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.


*