Il Monte Ebro da Capanne di Cosola

Da ogni versante sempre un’emozione

Montagna affascinante, un simbolo per tutti gli escursionisti amanti dell’Appennino.
Una salita sulla sua sommità non lascia mai indifferenti, indipendentemente dal clima che si trova, dalla stagione, dall’orario, dal versante prescelto: il Monte Ebro.
Questa vetta di 1700 metri, posta fra le Valli Borbera e Curone, riveste anche una certa importanza geografica, oltre che sentimentale, rappresentando la massima elevazione della Provincia di Alessandria.
Le vie di salita sono molteplici, tutte tecnicamente piuttosto agevoli, anche se la lunghezza di alcune impone agli appassionati un minimo di allenamento ed abitudine alla fatica in montagna.

Da Capanne di Cosola
Ne abbiamo già descritte alcune in passato, oggi è la volta di uno degli itinerari più noti, con partenza dalla Località di Capanne di Cosola (m. 1500), raggiunta risalendo per intero la Val Borbera.
Trekking semplice e di media lunghezza (9 km), con dislivello limitato (200 m), che comunque consente di percepire il fascino di questi luoghi.

Prendiamo la sterrata proprio di fronte all’Albergo Capanne di Cosola, proseguendo verso sinistra al primo bivio, che a destra conduce invece sul Monte Chiappo (m. 1700/ 50 minuti).
La via di salita è semplice ed intuitiva, con il monte Ebro di fronte a noi.
Percorriamo una lunga diagonale in direzione nord-ovest, scegliendo la traccia preferita nella moltitudine di sentieri prodotti dagli escursionisti nel corso degli anni.
Transitando sotto il Monte Prenardo, giungiamo al bivio delle Bocche di Crenna (m. 1553), punto di arrivo degli itinerari provenienti dal Monte Chiappo, dalle Stalle di Salogni e da Cosola.

L’attacco finale
Puntando diritti, sempre in direzione nord-ovest, affrontiamo il tratto più impegnativo a livello di pendenza, verso la celeberrima croce di vetta.
I nostri arrivi in questo luogo, oramai non si contano più, ma l’emozione è intensa, cristallina.
Oltre alle vette delle valli appenniniche circostanti, Staffora, Trebbia, Aveto ed il Parco di Marcarolo, la visuale si apre meravigliosamente su gran parte dell’Arco Alpino, con il Monviso protagonista.
Respiriamo a pieni polmoni questa atmosfera, l’atmosfera unica, speciale ed irrinunciabile del Monte Ebro…a presto.


Informazioni utili
Località di partenza – Capanne di Cosola (m. 1500) – Val Borbera
Difficoltà – Escursionistico
Dislivello – 200 m
Tempo di salita – 1 ora e 30 /2 ore
Tempo di discesa – 1 ora e 30
Lunghezza a/r – 9 km

Ti è piaciuto? Condividilo!



4 Comments

  1. non posso che condividere, la bellezza e le emozioni che l’ebro ci regala sono particolari.
    A questo percorso si può aggiungere anche una toccata al Chiappo, anch’esso molto panoramico

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.


*