Il Monte Buio

Fra la Val Borbera e la Val Vobbia

Spesso la notorietà di alcune montagne è condizionata dal contesto in cui esse sono inserite, dalle cime che si trovano nelle vicinanze; accade sovente che si tenda a ricordare solamente la vetta principale, dimenticando ingiustamente tutte le altre.
E’ il caso ad esempio del Monte Buio (m. 1403), situata all’estrema propaggine meridionale della Val Borbera, in provincia di Alessandria, sul confine con la Val Vobbia (Genova).
La popolarità del Buio è sovrastata, a mio giudizio ingiustamente, dal Monte Antola (m. 1597), uno dei simboli di questo meraviglioso tratto appenninico.

Il Valico di San Fermo

Il trekking che oggi vogliamo raccontare parte dal Valico di San Fermo (m. 1175), raggiungibile in auto dalla Val Borbera, passando per Cabella Ligure e Dova Superiore, o dalla Val Vobbia, transitando per le località di Vallenzona e di Piani di Vallenzona (Comune di Vobbia).
Di per sé San Fermo, con la sua Chiesetta mirabilmente restaurata, costituisce un punto panoramico eccezionale sia sull’Appennino ed in particolare sul Parco delle Capanne di Marcarolo, sia sull’Arco Alpino. l’itinerario poi, non è da meno, ricco di spunti panoramici e naturalistici.

Da San Fermo, puntiamo in direzione sud, seguendo il segnavia 200, incrociando la strada asfaltata per San Clemente.
Da qui, percorriamo la sterrata per pochi minuti fino ad un bivio: sulla destra inizia il nostro trekking vero e proprio, che si sviluppa quasi interamente nel bosco.
Il Buio è una montagna per tutte le stagioni, con la possibilità di trovare nella faggeta protezione dal vento in inverno e dalla calura durante la stagione estiva. Il sentiero, mai banale, ma con pendenza sempre sotto controllo, conduce al Passo di Sesenelle (m. 1254), che segna la metà circa del percorso.

Al cospetto del Mar Ligure

Puntando sempre diritti, con la vegetazione che si fa più rada ed offre qualche suggestivo scorcio panoramico, siamo sui prati sommitali del Monte Buio, al cospetto dell’enorme Croce di Vetta.
Nonostante la quota relativamente modesta, il Buio oltre che sulle cime dell’Alta Val Borbera, nelle giornate terse offre una visuale splendida sul Mar Ligure, che ci appare letteralmente a portata di mano.
Continuando sulla facile cresta in direzione sud est, il trekking può proseguire alla conquista del Monte Antola (con dislivello e tempi raddoppiati)…ma questa è un’altra storia ed un’altra avventura.

 

Informazioni utili
Località di partenza – Valico di San Fermo (m. 1175)
Difficoltà – Escursionistico
Dislivello – 230 m
Tempo di salita – 1 ora e 15
Tempo di discesa – 1 ora
Lunghezza a/r – 6.5 km
Note – per il trekking sul Monte Antola, a/r – 5 ore

Ti è piaciuto? Condividilo!



2 Comments

  1. non conoscevo questo percorso, grazie per la segnalazione. Peccato che queste zone sia poco conosciute e pubblicizzate

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.


*