Due anni di Trekking

La nostra Passione al vostro servizio

Questo mese di ottobre segna il secondo compleanno di Trekkinginside.
Una creatura giovane, ma già ricca di esperienze ed avventure da raccontare.
Due anni orsono, decidemmo di far crescere la nostra trentennale passione per il trekking attraverso i racconti, la raccolta delle immagini, la condivisione delle emozioni: un modo forse per completarsi e nel contempo far crescere l’interesse per questa attività in altre persone.
In due anni il cammino è stato denso, l’arricchimento inaspettato, un impegno quotidiano, obiettivi che si sono rinnovati giorno dopo giorno.

Abbiamo spaziato dai trekking collinari, ai ghiacciai del Monte Rosa, dalle montagne a picco sul mare della Liguria, ai rifugi d’altri tempi della Provincia di Cuneo, popolati di marmotte e stambecchi.
Incontri, scoperte, tutto si rinnova sempre, se si hanno motivazioni e voglia di scoprire.
Le scorribande nelle nostre valli appenniniche predilette, Borbera e Curone, ed il Parco di Marcarolo, dall’ineguagliabile fascino selvaggio e solitario.
Le notti trascorse nei bivacchi, albe e tramonti indimenticabili, la scoperta di trekking inediti, che mai prima avremmo preso in considerazione.

La nostra amata Valle d’Aosta, con i suoi rifugi arditi, le sue vette sopra le quali abbiamo avvertito la fatica e l’emozione impagabile dell’alta quota.
Il ritorno poi, all’antica passione della bicicletta, esperienze semplici ma cariche di significato esistenziale.
Tanti sentieri, in tutte le stagioni, con tutti i climi, in tutti gli orari, tutto vissuto in prima persona.

Nei nostri articoli e racconti, più che l’aspetto descrittivo a volte, abbiamo privilegiato quello emozionale, tutto autentico, senza fronzoli, senza compromessi.
La passione non nasce dai numeri, ma dalla dimostrazione che tutto si può fare, tutto si può vivere, bastano solo sacrificio e determinazione.
Noi di Trekkinginside abbiamo deciso di viverla così: testa alta e faccia al vento.

Due anni volati via, il nostro zaino si è arricchito senza appesantirsi, i nostri occhi si sono riempiti di meraviglia, di luci e di colori, ma rimane ancora spazio per tanto tanto altro.
Un doveroso grazie infine, sentito e commosso, a chi con pazienza ci ha seguito e continuerà a farlo.

Sulle nostre montagne molti sorrisi, conditi da altrettante lacrime di emozione, a volte qualcuna di sofferenza e di dolore, ma questa è la vita e noi andiamo avanti…testa alta e…faccia al vento.

Ti è piaciuto? Condividilo!



6 Comments

  1. tantissimi auguri, e complimenti per tutto quello che avete condiviso in questi 2 anni, sia per quanto riguarda gli articoli, sia per le escursioni di gruppo fatte insieme.
    Un bellissimo viaggio che ci arricchisce tutti, ogni articolo è pieno di passione, in ogni escursione la vostra esperienza e l’amore per la montagna ci insegnano sempre cose nuove e ci trasmettono la voglia di vedere nuovi luoghi.
    tanti auguri per la strada percorsa e in bocca al lupo per quella ancora da percorrere. Il sentiero è ancora lungo e ripido, ma siamo qui per percorrerlo tutti insieme, uniti dalla passione per la montagna e per la natura, a testa alta.

  2. Di siti che parlano di trekking ne esistono un mucchio. Molti danno indicazioni precise sul percorso da seguire, aggiungendo talvolta anche la traccia gps; altri sono molto più sommari, ma comunque utili per illustrare un percorso a te inedito. Il vostro, ragazzi, ha un quid in più: in ogni parola traspare la passione per quello che fate, la voglia di trasmettere non solo semplici informazioni, ma emozioni. Come dice Marco, ma come direbbe qualsiasi amante vero della montagna, di strada ce n’è ancora da fare, ma ci piace percorrerla tutti insieme.
    Complimenti e continuate così

  3. Ciao, ho dato un’occhiata alle vostre bellissime escursioni. Io abito in Via, a Fontanigorda (GE) da 9 anni. Mi piace la montagna sotto tutti i suoi aspetti.
    Dall’anno scorso ho potuto tentare qualcosa di un po’più io impegnativo, con grande fatica, data la mia età non proprio “verde”! 😊 Prima, per vari motivi, nel potevo. E non, mi sono buttata. Avevo un sogno, volevo arrivare alla Capanna Margherita. Trent’anni fa avevo visto la foto su una rivista di montagna e mi aveva affascinato.Non pensavo assolutamente di poterci andare. Ma la percezione delle cose cambia durante il corso della vita e, grazie a Internet, tanti anni dopo, ho iniziato a viaggiare virtualmente. Così, l’anno scorso, dopo anni di peripezie varie, ho deciso di prendermi un po’di tempo per me. Mi sono iscritta ad un corso di alpinismo base di 3 giorni ad Alagna per vedere se sarei stata in grado di andare a 4000 metri senza problemi. Tutto bene. Dopo 3 giorni di attesa in un rifugio a causa del maltempo, sono salita alla Capanna Margherita con una guida. Non ho potuto pernottare come avevamo stabilito, ma ci sono arrivata!
    Una gioia immensa. Quest’anno, abbiamo beccato un vento terribile che ci ha costretto alla ritirata al colle del Lys. Il seguito quando vi conoscerò 😂
    Comunque io ho un po’di strada da fare più di tutti gli altri, abitando in un posto non proprio comodo. Sia che parta da Genova che dalle vostre parti, ho più di un’ora di strada da percorrere in auto e, solitamente, sono la più anziana 😱
    Ora mi sono iscritta al corso di fondo del CAI ULE che è già iniziato. La prima uscita sarà il 9/12, neve permettendo.
    Ok, vi lascio la mia email per essere informata sulle vostre escursioni future.
    Grazie per la vostra disponibilità.
    Ciao

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.


*